Morto padre Laurentin, il più grande mariologo del '900

 

Si è spento ieri a novantanove anni, padre René Laurentin, uno dei più importanti mariologi del secolo. Nato nel 1917 a Tours, in Francia, fu teologo, esegeta, storico e perito al Concilio Vaticano II

Membro della Pontificia Accademia Teologica di Roma, docente presso l'Università Cattolica dell'Occidente, lavorò in diverse università sia in America che in Italia e tra i suoi più importanti contributi, anche quello all'elaborazione delle pagine scritte sulla Beata Vergine Maria nel Mistero di Cristo e della Chiesa. A lungo cronista religioso per Le Figaro, nel 1996 gli fu assegnato il Premio della Cultura Cattolica. 

Padre Laurentin si è occupato a lungo anche di Medjugorje, con testi che talvolta hanno fatto discutere. 

Ricchissima la sua bibliografia, la cui opera più importante è  "Storie autentiche": sette volumi sulle apparizioni della Madonna alla giovane Bernardette.

Ed è proprio a Lourdes che, ad ottobre, si sarebbero dovuti tenere i festeggiamenti per il suo centenario.

Morto padre Laurentin, il più grande mariologo del '900

Festa dell’Esaltazione della Croce a Medjugorje

 

Domenica 10 settembre 2017 è stata celebrata a Medjugorje la Festa dell’Esaltazione della Croce, che in questa parrocchia tradizionalmente ricorre appunto la prima Domenica dopo la Festa della Natività della Madonna. Le Sante Messe in lingua croata sono state celebrate, in chiesa parrocchiale, alle ore 7:00, 8:00, 12:00 e 18:00. La Celebrazione Eucaristica solenne è stata, invece, officiata alle ore 11:00 sul Križevac, alla presenza di una moltitudine di parrocchiani e pellegrini. Essa è stata presieduta da fra Antonio Šakota, vicario della parrocchia dei santi Pietro e Paolo di Mostar, e concelebrata da fra Marinko Šakota insieme ad altri venti sacerdoti.

Nella sua omelia, fra Antonio ha detto tra l’altro: “Siano lodati Gesù e Maria, cari fratelli e sorelle! Oggi siamo riuniti sul nostro Sinai, sul nostro Golgota e sul nostro Tabor. Siamo riuniti oggi intorno a questa croce imponente, che dovrebbe essere per noi un segno che ci aiuta a fare discernimento. Essa, infatti, ci ricorda ciò che siamo e ciò che dovremmo essere, ma soprattutto ci ricorda Colui che ci ha redento a prezzo del suo Sangue. Per la verità, lungo la storia vi sono stati anche altri segni che simboleggiavano il Cristo ma, dal momento in cui l’imperatrice Elena si diresse a Gerusalemme alla ricerca della croce di Cristo sul Calvario, pian piano la croce è divenuta, ed è rimasta finora, il più significativo simbolo cristiano”.

Al termine della Celebrazione, fra Marinko Šakota si è rivolto ai fedeli riuniti sul Križevac con queste parole: “Ringraziamo Dio per questa giornata, per questa Festa e per coloro che hanno costruito questa croce. A lui rendiamo grazie per la Regina della pace, che ci invita a pregare davanti alla croce per conoscere la sapienza che da essa deriva e poter così tornare alle nostre case rafforzati. Spero e credo che sarà così anche oggi”. 

Come ogni anno. già a partire dalla notte precedente la Festa, si sono riversati a Medjugorje fiumi di pellegrini. Molti di loro sono venuti anche a piedi, ed alcuni perfino a piedi scalzi. Quel giorno erano presenti a Medjugorje gruppi di pellegrini provenienti dalla Croazia, dalla Germania, dall’Inghilterra, dall’Irlanda, dagli USA, dall’Italia, dalla Francia, dall’Austria, dall’Olanda, dalla Corea, dalla Slovacchia, dall’Ucraina, dalla Repubblica Ceca, dal Portogallo, dalla Polonia, dalla Repubblica Sudafricana, dal Libano, dal Canada e dalla Spagna


Entra in vigore l’orario invernale del programma di preghiera

 

Cambia l’orario del programma liturgico di preghiera di Medjugorje a partire da oggi 1° settembre 2017 e resterà in vigore fino al 31 maggio del prossimo anno. A partire da oggi, la preghiera del Rosario in chiesa parrocchiale inizierà alle ore 17:00, mentre la Santa Messa verrà celebrata alle ore 18:00 e sarà seguita dal consueto programma di preghiera, a seconda del giorno della settimana. L’Adorazione a Gesù nel Santissimo Sacramento dell’Altare si terrà il martedì ed il sabato dalle ore 21:00 alle ore 22:00, mentre il giovedì sarà subito dopo la Santa Messa serale. La preghiera del Rosario sul Podbrdo si terrà la Domenica a partire dalle ore 14:00, mentre la Via Crucis sul Križevac sarà il venerdì, sempre a partire dalle ore 14:00. La Santa Messa croata delle ore 13:00 verrà celebrata soltanto il sabato.


Celebrazione della Solennità dell’Assunta a Medjugorje

 

In occasione della Solennità dell’Assunta appena trascorsa, diverse decine di migliaia di fedeli, sia locali che stranieri, si sono recati a Medjugorje. Stando ai dati forniti dall’Ufficio informazioni, quel giorno — presso la chiesa parrocchiale, l’Altare esterno e la Cappella dell’Adorazione — sono state celebrate complessivamente sedici Sante Messe, tra quelle in lingua croata e quelle celebrate nelle lingue dei pellegrini stranieri presenti. In quella giornata è stata segnalata la presenza di gruppi di pellegrini provenienti dalla Slovenia, dall’Italia, dalla Germania, dall’Austria, dalla Polonia, dall’Inghilterra, dagli USA, dall’Irlanda, dall’Ucraina, dalla Slovacchia, dalla Francia, dalla Repubblica Ceca, dall’Ungheria, dal Libano, dalla Bosnia Erzegovina e dalla Croazia. La Celebrazione Eucaristica delle ore 11:00 è stata presieduta, presso la chiesa parrocchiale di san Giacomo, da fra Zvonimir Pavičić, mentre la Santa Messa solenne delle ore 19:00 è stata presieduta, presso l’Altare esterno, da fra Antonio Šakota e concelebrata da ottantadue sacerdoti.

Nella sua Omelia della Messa mattutina, fra Zvonimir ha detto tra l'altro che non dobbiamo temere il serpente del mondo contemporaneo, poiché la vittoria finale è nelle mani di Dio: “E’ dunque necessario essere sempre fedeli e disponibili a dare la nostra testimonianza di vita per Dio, come hanno fatto Maria e moltissimi santi di questa chiesa. Anche oggi — proprio ora, in questa liturgia — celebriamo il mistero della nostra salvezza, compiutosi per mezzo di Gesù Cristo, attraverso la gloriosa Assunzione di Maria e la nostra fede nella nostra futura ascesa verso Dio. Tutto questo è compendiato nell’odierna celebrazione. Per questo questa data è così cara a tutti i fedeli, per questo essa è così vivamente sentita tra la gente. E’ questo il motivo per cui proprio oggi molte persone si dirigono a piedi nudi verso i santuari mariani: per domandare a lei di impetrarci dal Signore la salvezza e la grazia di restare fedeli lungo il nostro cammino”.

La Solennità dell’Assunta di quest’anno è stata appunto contrassegnata dai molti pellegrini giunti a Medjugorje a piedi nudi durante tutta la notte precedente la Festa, dopo aver percorso a piedi molti chilometri. Le porte dei confessionali di Medjugorje si sono spalancate per loro fin dalle prime ore del mattino, e la prima Santa Messa è stata celebrata alle ore 5:00. Molti pellegrini stranieri proseguiranno ora la loro permanenza di più giorni a Medjugorje recandosi in preghiera sul Podbrdo e sul Križevac e partecipando ogni giorno al programma liturgico di preghiera serale

 


Terminato il 28° Festival dei Giovani

 

Sabato 5 agosto è stato l’ultimo giorno intero del Ventottesimo Incontro Internazionale di Preghiera dei Giovani. La mattinata ha avuto inizio con la preghiera del mattino, guidata dal Coordinatore dell’evento fra Marinko Šakota, ed è proseguita con la catechesi di P. Jacques Philippe della Comunità delle Beatitudini. I giovani hanno poi potuto ascoltare la testimonianza di James e Daniela Wahlberga dagli USA, che hanno raccontato la loro conversione personale e familiare.  James ha detto che il suo cammino di conversione è iniziato otto anni fa, dopo molto tempo vissuto nel mondo della droga e dell’alcool. Anche suo figlio Daniel ne era divenuto schiavo, ma ha poi trovato la sua salvezza nella Comunità Cenacolo. 

Anche Gabrijela Veselá e Antonín Veselý, due coniugi cecoslovacchi, si sono rivolti ai giovani presenti. Al termine del programma mattutino, la francese Mélanie Arrivé ha presentato ai partecipanti al Festival il primo Festival dei Giovani svoltosi a Parigi il 13 maggio scorso. Nel corso del programma del pomeriggio, cominciato alle ore 17:00, i giovani hanno avuto poi modo di ascoltare la testimonianza di conversione della giornalista Benedetta Frigerio. Dopo di lei, ha preso la parola fra Alessandro Brustenghi di Assisi, che Domenica 6 agosto, insieme al Coro ed all’Orchestra Internazionali del Mladifest, terrà anche un concerto.

Alle ore 18:00 ha quindi avuto inizio il programma liturgico di preghiera. La Santa Messa delle ore 19:00 è stata presieduta da fra Zvonimir Pavičić, sacerdote novello della Provincia Francescana dell’Erzegovina, e concelebrata da quattrocentocinquantaquattro sacerdoti. L’Omelia è stata tenuta da fra Franjo Dušaj, un francescano montenegrino. Dopo l’Orazione colletta della Santa Messa, dinanzi all’Altare è stato portato il lungo telone sul quale, nei giorni dell’Incontro, i giovani hanno scritto le loro preghiere ed i loro ringraziamenti. Dopo la Santa Messa ha avuto inizio l’Adorazione Eucaristica, guidata da fra Marinko Šakota. Al termine, i sacerdoti hanno poi benedetto i rappresentanti delle nazioni presenti, che con i doni simbolici del mandato loro donato torneranno ora nei loro paesi, per vivere là tutto quello che hanno ricevuto a Medjugorje. il livestreaming del programma serale dell’ultima sera del Festival è stato seguito da 789 421 spettatori.

Fra Marinko ha infine ringraziato i giovani e tutti coloro che hanno partecipato all’organizzazione dell’evento con queste parole: “Siamo giunti al termine del Ventottesimo Festival dei Giovani. Ci viene da dire una sola parola, ossia “Grazie!”. Grazie a Dio, grazie alla nostra amata Madonna, Regina della pace! Grazie anche a tutti quelli che hanno preso parte alla preparazione e realizzazione di tutto questo programma. Grazie anche a tutti voi, giovani amici, per la vostra testimonianza di sacrificio, di amore e di tanta gioia”.

Accompagnati da vari canti, i giovani si sono quindi messi in cammino verso il Križevac, dove alle 5:00 del mattino di Domenica 6 agosto, Festa della Trasfigurazione del Signore, il Festival dei Giovani è ufficialmente terminato con la celebrazione della Santa Messa


Statistiche di luglio 2017

 

Sante Comunioni distribuite: 149.300


Sacerdoti concelebranti: 5.364  (173 al giorno)

Statistiche di luglio 2017

Celebrato il 36° Anniversario delle Apparizioni della Madonna a Medjugorje

 

Domenica 25 giugno 2017, alla presenza di numerosi pellegrini provenienti da tutti i continenti, è stato solennemente celebrato il Trentaseiesimo Anniversario delle Apparizioni della Madonna. Oltre a pellegrini della Croazia e della Bosnia Erzegovina, sono giunti a Medjugorje folti gruppi di fedeli provenienti dall’Ecuador, dalla Colombia, dall’Uruguay, da Panama, dal Guatemala, dall’Uganda, dalla Spagna, dalla Slovacchia, dalla Slovenia, dall’Italia, dalla Polonia, dalla Francia, dall’Ucraina, dalla Repubblica Ceca, dall’Ungheria, dalla Corea, dal Libano, dalla Finlandia, dal Belgio, dai Paesi Bassi, dal Brasile, dal Portogallo, dall’Austria, dalla Germania, dalla Svizzera, da Hong Kong, dagli USA, dal Canada, dall’Irlanda e dall’Inghilterra. Oltre alle molte persone venute con i consueti mezzi di trasporto, un numero significativo di pellegrini è giunto a Medjugorje a piedi per sciogliere voti e ringraziare per grazie ricevute. Fin dalle prime ore del mattino, i sacerdoti si sono messi a disposizione dei fedeli che desideravano accostarsi al Sacramento della Riconciliazione. Nel corso della giornata — tra quelle in chiesa parrocchiale, presso l’Altare esterno e nella Cappella dell’Adorazione — sono state celebrate ventuno Sante Messe, di cui sette in lingua croata e quattordici nelle diverse lingue dei gruppi di pellegrini presenti.

Nel giorno dell’Anniversario, il programma liturgico di preghiera serale ha avuto inizio alle ore 18:00 con la preghiera del Rosario, ed è poi proseguito con la Celebrazione Eucaristica delle ore 19:00. La Santa Messa serale è stata presieduta, presso l’Altare esterno della chiesa parrocchiale di San Giacomo, da fra Damir Pavić, segretario della Provincia Francescana di Bosna Srebrena, e concelebrata da centonovantuno sacerdoti. Il Coro “Regina della pace” di Medjugorje, diretto da suor Irena Azinović, ha accompagnato la Celebrazione coi suoi canti. Al termine della Santa Messa, fra Marinko Šakota, parroco di Medjugorje, ha rivolto ai presenti alcune parole di saluto e di ringraziamento.

Il programma di preghiera serale è stato inoltre trasmesso in diretta anche da Radio “Mir” Medjugorje e dal sito internet www.medjugorje.hr, e si è registrata la presenza di numerosi giornalisti, sia locali che stranieri.


Apparizione annuale a Ivanka - 25 giugno 2017

 

La veggente Ivanka Ivanković Elez ha avuto la sua consueta apparizione annuale il 25 giugno 2017. In occasione dell’ultima apparizione quotidiana del 7 maggio 1985 la Madonna, rivelandole il decimo ed ultimo segreto, disse a Ivanka che per tutto il resto della sua vita avrebbe avuto un’apparizione all’anno nel giorno dell’Anniversario delle apparizioni. Così è avvenuto anche quest’anno.
Ivanka ha avuto l’apparizione, durata 4 minuti, nella sua casa. All’apparizione era presente soltanto la famiglia di Ivanka.
Dopo l'apparizione la veggente Ivanka ha detto: La Madonna ha dato il seguente messaggio: "Figlioli, pregate, pregate, pregate." La Madonna era goiosa e ci ha benedetti con la Sua benedizione materna.


Medjugorje Film

 

Al seguente url: https://www.youtube.com/watch?v=cSuuM_ZrcXc è possibile vedere un filmato in alta definizione su Medjugorje

Medjugorje Film

 
 
2011 - 2016© www.centromedjugorje.it Sito ufficiale per i pellegrini di lingua italiana